Scacchi: 2° Torneo C’Chartres E’checs: vittoria e titolo di GM al giovanissimo Maurizzi. Seconda posizione per l’italiano David

Dal 17 al 21 maggio è andato in scena a Parigi l’ormai tradizionale torneo ‘C’Chartres E’checs’. Alla competizione hanno preso parte 10 giocatori, i quali si sono affrontati in partite con cadenza di 90’+30’’. Il sistema di gioco adottato è stato il Girone all’Italiana singolo.

A vincere il torneo è stato il 14enne Marc’Andria Maurizzi con il punteggio di 6,5/9. Il giovanissimo è partito a rilento totalizzando nei primi tre turni solamente 1 punto. Poi alla quarta partita è arrivata la svolta grazie alla vittoria con il MF Peio Duboue. Da lì in avanti un cammino strepitoso caratterizzato da 4 vittorie ed 1 solo pareggio, nell’ultima giornata. Con questo risultato il classe 2007 ha ottenuto la terza norma di GM ed il punteggio (>2500) per diventare Grande Maestro, il titolo più alto nel gioco degli scacchi.

Medaglia d’argento per il GM italiano Alberto David, il quale ha ottenuto lo stesso score del vincitore della gara. Decisivo è risultato lo spareggio tecnico con David che al sesto turno è uscito sconfitto dallo scontro diretto con Maurizzi.

Il terzo gradino del podio è stato ad appannaggio della signora Sophie Millet, unica a riuscire a sconfiggere il vincitore del torneo, la quale ha concluso con 5.5. Per la rappresentante della quota rosa un inizio scoppiettante con 3.5/4. Peccato poi si sia disunita nella seconda parte della competizione. Non è stato un torneo indimenticabile per il GM belga Alexandre Dgebuadze, numero due per ELO ai nastri di partenza, il quale ha realizzato 5.0. Ancora peggio è andato l’altro GM della sfida, l’inglese Glenn C. Flear, il quale è riuscito appena ad ottenere la metà dei punti disponibili.  Dunque un torneo che come da pronostico ha appassionato numerosi scacchisti da tutto il Mondo.

Matteo Troia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.